Matera 2019

Matera 3019. Mille anni dopo. Da qui nasce l’idea di proiettarsi nel tempo e capire quali sono stati i sogni e le visioni di una giovane generazione che voleva ricostruire, nel nuovo millennio, una nuova relazione con gli spazi abitati, con la natura, con un continente, quello europeo, che si ripensava nelle forme dell’abitare.

A 500 anni dalla scrittura dell’Utopia di Thomas More, una riflessione che pone la cultura al centro delle nuove relazioni fra uomo e ambiente: attraverso l’occhio delle generazioni più giovani, si immaginano nuovi miti e nuovi riti di una società che emerge da una profonda crisi, quella del superamento del ‘900.

Attraverso la rete italiana ed europea di centri di produzione culturale, si raccoglieranno le visioni delle scuole, e si realizzerà una capsula del tempo in forma di piattaforma digitale che configurerà il loro immaginario, attraverso racconti in video, fumetti, fantascienza, ecc; e, proiettati nel 3019, guarderemo indietro al ‘mito fondativo’ di questa visione, attraverso un grande atto collettivo performativo, che partirà da Matera alla fine del 2019 per raccontarsi in giro per l’Europa.

Data e luogo *:

Dicembre 2019 in occasione del Festival dell’Open Culture


(*) Le date e i luoghi potrebbero subire variazioni
Per vivere questo e tutti gli appuntamenti del programma ufficiale di Matera Capitale Europea della Cultura acquista il Passaporto per Matera 2019

Se ne parla anche in: