Matera 2019

Una mostra di Armin Linke in collaborazione con Giulia Bruno e Giuseppe Ielasi 

Dalla prima macchina a vapore brevettata da James Watt ai trattati per combattere il surriscaldamento globale, gli ultimi trecento anni di storia climatica hanno visto un unico grande protagonista: l’uomo.

Ed è di uomini e clima che tratta “Blind Sensorium”, una ricerca artistica durata dieci anni inizialmente commissionata dalla Haus der Kulturen der Welt di Berlino per poi essere portata avanti da istituzioni artistiche e scientifiche di tutto il mondo.

“Blind Sensorium”, è un’indagine condotta dal fotografo e filmmaker Armin Linke su quello che il premio Nobel Paul Cruzen ha definito “l’antropocene”; l’era geologica in cui l’uomo diventa artefice dei cambiamenti geografici e climatici che hanno plasmato il nostro pianeta, nel bene e nel male.

Fotografie, documenti, interviste e proiezioni si alterneranno al ricerche sul campo, condotte anche a Matera e in tutta la Basilicata. Un percorso che parte dai primi insediamenti primitivi, all’ombra dei Sassi, per arrivare alle ultime scoperte scientifiche e ai passi che saremo chiamati a fare per proteggere il nostro pianeta.

Partner di progetto:

Haus der Kulturen der Welt, Germania

Fondazione Sorigue, Spagna

University of Arts and Design Karlsruhe, Germania

ZKM, Germania

Artisti:

Armin Linke, Germania 
Giulia Bruno, Italia
Giuseppe Ielasi, Italia

Curatore:
Anselm Franke, Germania

Per vivere questo e tutti gli appuntamenti del programma ufficiale di Matera Capitale Europea della Cultura acquista il Passaporto per Matera 2019

Se ne parla anche in: