Matera 2019

In una città della Basilicata c’è una grande nave di cemento, incastrata tra due palazzi altissimi. È un’opera d’arte, un monumento, un giardino pensile, è il simbolo per noi dell’immobilismo del Sud, di ciò che è potente e maestoso ma non trova la forza per muoversi e partire.

Quando abbiamo risposto alla call lanciata dalla Fondazione Matera2019, per la realizzazione di uno dei progetti del dossier, il nostro primo impulso è stato quello creare un cortocircuito e alimentare quella forza. Circulating Entities, il progetto contenuto nel tema Radici e Percorsi a cui abbiamo risposto, parla della realizzazione di un teatro viaggiante che agisca sui territori come un’ambasciata mobile e una sonda culturale. È attraverso questo processo che abbiamo associato le due cose e nel progetto ideato da Gommalacca Teatro, per Matera 2019, immaginiamo che questo teatro abbia la forma di una nave e possa trovare la sua identità per affrontare il viaggio a cui è destinata. Il progetto prevede tre fasi: la ricerca del materiale identitario (condivisione dell’idea con la comunità, immaginazione della forma, raccolta dei materiali, volti e racconti) che sarà realizzata nel 2018 attraverso un’indagine sociale e artistica tra Potenza, Matera e le comunità che si trovano sulla strada che congiunge le due città, la strada statale Basentana; la costruzione tra il sud dell’Italia e quello della Francia, alimentati dall’idea della leggerezza e della contaminazione; l’elaborazione del materiale raccolto nella ricerca sociale in drammaturgia e spettacolo. Immaginiamo che la nave diventerà un serbatoio di immaginazione, un dispositivo narrativo che si apre su altri mondi e li connette tra di loro. Il viaggio/tournèe debutterà nell’estate del 2019 attraversando la Basentana. Ogni tappa del racconto sarà il frutto di un processo di traduzione nel linguaggio spettacolare e performativo di tutto il cammino preparato nel 2018 e messo in prova nella prima parte del 2019, curato dagli artisti di Gommalacca Teatro e dai partner internazionali. Ad ogni tappa sul greto del fiume, ai piedi di una montagna, la storia si evolverà fino ad arrivare sulla gravina di Matera, porto d’attracco da cui ripartire per portare in Europa il simbolo di una forza ritrovata. Per ora abbiamo scelto di nominare la nave: Aware, una parola giapponese che esprime il concetto della forte partecipazione emotiva allo spettacolo della natura e al tempo stesso la nostalgia per il suo incessante cambiamento.

Realizzato in coproduzione da
Associazione Gommalacca Teatro 

Segui il progetto anche su
Sito Web
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube
Partner di progetto:

ReCollocal, Italia
Atelier SudsideAtelier Sudside, Francia
Scai Comunicazione, Italia
Comune di Albano di Lucania (PZ), Italia
Comune di Calciano (MT), Italia
Comune di Ferrandina (MT), Italia
Comune di Garaguso (MT), Italia
Comune di Oliveto Lucano (MT), Italia
ANAS, Italia
SQx Dance, Regno Unito, Canada
Teatro dell'Argine, Italia

Artisti:

Carlotta Vitale, Italia
Mimmo Conte, Italia
Riccardo Spagnulo, Italia
La Klass, Italia
Sudside - Les AteliersSudside - Les Ateliers, Francia

 

Data e luogo:

5- 6-7 luglio 2019: tappa a Potenza | 8- 9-10 luglio 2019: tappa ad Albano | 12-13-14 luglio 2019: tappa a Calciano | 15-16-17 luglio 2019: tappa a Ferrandina | 19-20-21 luglio 2019: tappa a Matera