Matera 2019

Il progetto – curato da Giuseppe Biscaglia e Francesco Scaringi - prende spunto dall’opera incompiuta di Pier Paolo Pasolini “Petrolio” e pone al centro la questione ecologica (il complesso rapporto tra “uomo e natura nell’epoca dell’Antropocene”) attraverso il teatro, la danza, le arti performative e il pensiero, tramite la produzione di attività e opere originali con la presenza di personalità artistiche di rilievo internazionale in grado di coinvolgere realtà locali e suscitare interesse e attenzione nei confronti di un pubblico europeo.

Il progetto si articola in diverse sezioni:

1) Giacimenta, a cura di Francesca Corona e Michele Di Stefano, con l’intento di esplorare stratigrafie geologiche, sociali e umane per disegnare nuove connessioni tra i paesaggi e i loro abitanti. Gli artisti coinvolti: El Conde de Torrefiel (Spagna), Alessandro Sciarroni (Italia), Maria Hassabi (Creta/Usa), Silvia Rampelli (Italia);

2) Sedimenti, a cura di Massimo Carosi, con il proposito di disegnare mappe di relazione uomo-ambiente tra il Mediterraneo e i geo-siti della Basilicata. Una call internazionale selezionerà l’artista/coreografo che presenterà a Matera il suo nuovo lavoro;

3) Stratificazioni è la sezione che vede in rete la compagnia Abito in scena (Potenza) con un’importante Compagnia internazionale per la produzione di un’opera teatrale originale sui temi propri del progetto “Petrolio”;

4) Pensiero Geo-logico è la sezione progettata per aprire orizzonti di riflessione finalizzati a rimodulare il pensare e l’agire nel rapporto uomo-terra e il loro futuro comune.

Realizzato in coproduzione da
Associazione Basilicata 1799

Segui il progetto anche su
Sito Web
Facebook
Instagram
Data e luogo *:

Dal 14 al 23 giugno, Matera


(*) Le date e i luoghi potrebbero subire variazioni
Per vivere questo e tutti gli appuntamenti del programma ufficiale di Matera Capitale Europea della Cultura acquista il Passaporto per Matera 2019